BERLUSCONI E’ MALATO E PERICOLOSO

Stavo scrivendo un articolo per il mio blog, poi ho letto le dichiarazioni di Berlusconi: “meglio guardare le ragazze che essere gay”. Mi sono incazzato talmente tanto che ho cancellato ciò che stavo scrivendo. Allora ho deciso di riportare una poesia di Bertolt Brecht, purtroppo molto attuale. E con molta tristezza, chiudo il computer:

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare.

This entry was posted in Persone, Politica. Bookmark the permalink.

4 Responses to BERLUSCONI E’ MALATO E PERICOLOSO

  1. manu says:

    …eppure la gente lo vota e lo trova anche simpatico…

  2. gae says:

    Manu, che lo si voti sembra evidente ma mai nessuno che lo ammetta, però…
    Qui, dal mondo down under, i commenti su zio Silvio e sull’Italia non sono affatto lusinghieri. La battuta che sempre più spesso viene fuori è: “Invitiamo Mr Berlusconi, così ci porta le ragazze!”.

  3. teresa says:

    sentendo la notizia questa mattina della morte del ex Presidente Scalfaro, dicevano que nel 1973 Berlusconi non andava d’accordo col Presidente, e che Bossi andò da Scalfaro a dire che se lui volleva mandava a casa a Berlusconi, la domanda che nasce espontananea è, Dove è la moralità di questo paese? sono anni che questa nazione viene governata da chi fa solo il proprio interesse, creando e fomentando la desiguglianza, la paura, il poco rispeto delle regole, fomentando l’evazione fiscale tanto basta essere “amico” di qualcuno che conta per poter andare avanti alla grandissima, la trovata degli ultimi anni è tornare con furore al razismo praticato in questo paese da anni, senno Mussolini non avrebe potuto fare quel “POCO” durante la guerra, tanto se no tocca a “me” va bene, in questo momento che la pentola a pressione non c’e la fa più ed esplossa danno la colpa a chi colpa non ne ha “gli extracomunitari” modo di chiamare alle persone che vengono d’altri paessi con tanto disprezzo e reververo, svegliatevi Italiani sono 70 anni che dormite, il mondo è uno, cerchiamo tutti di farlo funzionare, io sono 25 anni che vivo è produco in questo paese, perche lavoro e pago le tasse cosi come mio marito TERRONE NAPOLITANO, a proposito io sono peruviana e non mi sogno di diventare italiana, quando morirò voglio essere sotterata nel mio paese qua sono stata tradita da tanta ipocrezia, e da tanta gente che ha paura di vivere, perche purtroppo sono gl’italiani ad averne di più.

    • Massimiliano Orlandi says:

      Grazie Teresa per la tua testimonianza. Noi italiani dovremmo imparare dalle molte persone che sono venute nel nostro paese come te per cercare fortuna, e che alla fine hanno dato molto di più di quanto hanno preso. La morte di Scalfaro ha mostrato la faccia peggiore di questa destra italiana, che invece del doveroso rispetto dei morti ha preferito il disprezzo politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*