Consigli per gli acquisti

Molti mi domandano “cosa mi consigli di fare per le elezioni comunali? Chi mi suggerisci di votare?”. Visto che la domanda si fa più pressante ogni giorno che passa, uso questo mezzo per estendere il più possibile il mio pensiero.

Sapete tutti come la candidatura Fassino non sia quella da me preferita. Prima ho sperato nella candidatura alle Primarie di Giorgio Airaudo e poi, visto la non accettazione di Giorgio, ho sostenuto Michele Curto. Ora che le elezioni sono quelle vere, continuo ad avere le mie perplessità su Piero Fassino. Detto questo invito tutti quanti mi conoscono a votarlo per due ragioni principali.

  1. Credo che, alle elezioni amministrative, il voto debba essere utile. Non concordo con quanti dicono che “bisogna dare un segnale”. Il Sindaco è il soggetto che potrà decidere sulla qualità di vita di ogni cittadino più direttamente e quindi i voti dati a Musy, Bertola o Bossuto, per quanto rispettabili e comprensibili, hanno solo il valore di delegare agli altri ciò che succederà nei prossimi cinque anni. Quindi il prossimo sindaco potrà essere soltanto Fassino oppure (ma meno probabile), Coppola. Il resto vale poco.
  2. Desidero ardentemente che Fassino vinca al primo turno e non ci sia il rischio di un ballottaggio con un possibile apparentamento con il Terzo Polo. Oltre alle implicazioni politiche di un accordo di questo genere, nella nostra città rischia di portare, come costo dell’accordo, la riconferma di Marco Borgione come Assessore al Welfare (che dopo un lungo girovagare ha trovato casa nell’UDC). Il mio giudizio politico personale sull’amministrazione dei Servizi Sociali da parte di Marco Borgione è decisamente negativo e non credo che la città possa permettersi questo rischio a per altri cinque anni.

Archiviata la pratica “Sindaco”, passiamo al Consiglio Comunale. Non darò un suggerimento ma ne darò due. Il primo suggerimento è rivolto a quelli che non avranno particolari mal di pancia nel votare Partito Democratico. Fra i candidati nella lista del PD c’è Michele Paolino, l’attuale Presidente della Circoscrizione 3. Lo suggerisco per due ragioni. La prima è che è l’unico politico a cui affiderei i miei soldi. Anzi: siccome è un promotore finanziario, i miei soldi glieli ho proprio affidati. E me li ha anche restituiti !!! Visti i politici attuali, direi che non è una cosa da poco.
Il secondo motivo riguarda l’atteggiamento da lui tenuto durante l’occupazione della ex-clinica San Paolo da parte dei Rifugiati politici nel 2009. Per quanto era in suo potere si è sempre attivato per cercare di rendere meno disagevole la situazione. Sono stati molti i politici che di fronte a quella vicenda hanno aperto la bocca a sproposito e, invece di cercare soluzioni, se ne sono fregati o hanno fatto dichiarazioni dannose. Fra questi non c’è Michele Paolino che invece ha cercato (con oggettive difficoltà) complicati equilibrismi fra le esigenze dei cittadini del quartiere e il dramma dei rifugiati. L’impegno di Michele Paolino in questo senso ha dato buoni frutti e quindi ha guadagnato ai miei occhi la stima che mi permette di suggerirlo come Consigliere Comunale.

Se proprio non ce la fate a votare PD (come darvi torto?) vi suggerisco di valutare la possibilità di votare Michele Curto, candidato indipendente per Sinistra Ecologia e Libertà. L’ho sostenuto durante le primarie anche se poi non ho condiviso la sua scelta di candidarsi in un Partito invece che cercare la costruzione di una Lista civica (anche se il mio giudizio personale su SEL è decisamente migliore di quello che ho nei confronti del PD).
Michele Curto viene dal mondo dell’associazionismo, con Terra del Fuoco si occupa di Rom, di rifugiati politici, condivide molte battaglie per il diritto al lavoro, mantiene viva la testimonianza sull’Olocausto accompagnando migliaia di studenti ai campi di Auschwitz-Birkenau. E’ uno dei giovani su cui vale la pena investire il proprio voto.

Ho dato un’occhiata anche alle liste delle Circoscrizioni. Ho trovato alcune persone che conosco e stimo e a cui darei volentieri il voto se abitassi in quelle circoscrizioni.
Circoscrizione 2: Roberto Gentile (PD), Andrea Tua (SEL)
Circoscrizione 3: Mariangela (Mari) Rizzo (SEL)
Circoscrizione 4: Alfonso Papa (SEL)
Circoscrizione 7: Antonio Biondino (Piemont Europa Ecologia)
Circoscrizione 8: Alessandro Givone (SEL)
Circoscrizione 9: Salvatore Campagna (PD)

Se abitate nella Circoscrizione 3, vi invito comunque a votare uno qualsiasi dei partiti della coalizione di Centro Sinistra: in questo modo permetterete a Daniele Valle (giovane e capace, almeno cominciamo a creare una nuova generazione di classe dirigente) di diventare il prossimo Presidente di Circoscrizione.

Fra questi nomi non c’è il mio. Ci sarebbe potuto essere. Ma questa è un’altra storia, che affronterò più avanti.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*