Gariglio, meglio stare fermo un giro…

Che brutta notizia . Secondo alcuni giornali locali (Repubblica, La Stampa) e anche siti Internet (www.lospiffero.com), alcuni familiari di Davide Gariglio, uno dei più accreditati successori di Sergio Chiamparino come Sindaco di Torino, sarebbero i proprietari di due appezzamenti di terreno su cui il Comune di Nichelino intende favorire la costruzione di un Outlet, terreni il cui valore è di circa 90 milioni di Euro (dopo l’eventuale variazione di destinazione urbanistica). Per conto del Comune di Nichelino, la partita la sta gestendo l’assessore all’Urbanistica, Franco Fattori, un ex esponente di Forza Italia, attualmente tesoriere del PD provinciale e molto vicino a Davide Gariglio (e ci risiamo!) tanto da essere indicato da lui nel consiglio di amministrazione di Sagat.
In tutta questa vicenda non ci sono elementi che richiedono un intervento della Magistratura (e anche se ci fossero, non sarebbe questo il luogo per discuterne). Però, da cittadino, mi pongo qualche domanda (e provo a darmi qualche risposta).

Questa è una vicenda che mostra, in piccolo, la faccia più deteriore della politica di questo nostro paese: il conflitto di interessi e l’utilizzo dei Partiti per tutelare questi interessi. Come fa un cittadino comune pensare che un possibile Sindaco di una grande città come Torino abbia come unico obbiettivo il bene comune, quando viene a sapere che i suoi parenti e i suoi amici amministratori pubblici stanno conducendo una trattativa commerciale (legittima) da 90 MILIONI DI EURO?
Io sono perplesso.
Credo che, di fronte all’anomalia Berlusconiana e alla distruzione dell’Etica della Politica che Berlusconi ha favorito, la risposta la si debba trovare nell’impegno di politici totalmente LIMPIDI e TRASPARENTI, i cui interessi personali o di gruppo siano TOTALMENTE abbandonati (nei fatti e non solo nelle parole) rispetto al governo del bene comune.

Non so se questa è una manovra contro Gariglio (che ricordo, è stato Presidente di GTT, Presidente del Consiglio Regionale, attuale Consigliere Regionale, quindi non è certo un novellino) per eliminarlo dalla corsa alla candidatura a Sindaco di Torino. Penso però che, ancora una volta, sia in gioco la già scarsa credibilità della Politica e la speranza di creare una classe dirigente finalmente disinteressata e competente.

Forse sarebbe meglio che Davide Gariglio saltasse un giro. Che ne dite?

This entry was posted in Politica. Bookmark the permalink.

One Response to Gariglio, meglio stare fermo un giro…

  1. gae says:

    Premesso che non so chi sia Gariglio, sarebbe fantastico potergli sottoporre il legittimo dubbio e valutarne, con la massima serenità, la risposta. Sono garantista a priori, ahimé!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*